venerdì 16 febbraio 2018

Pronto?! Dimmi!

Ho avuto il privilegio di esporre a Birmingham un lavoro in appliquè realizzato a quattro mani: le mie e quelle di Carmen Pacenza, mia cognata e amica da sempre.
Ci siamo ispirate alla moda degli anni '20 e ci siamo immaginate in una delle nostre  conversazioni telefoniche: quelle conversazioni dalle quali prendono vita molti progetti, come questo.
E' un arazzo di cm 80 x 80, in pura seta,  interamente applicato e trapuntato a mano con filati AURIFIL. Per realizzarlo abbiamo trascorso lunghi pomeriggi insieme,  parlato tanto al telefono e raccolto tanti consensi e grande soddisfazione! 









sabato 10 febbraio 2018

Ritorno





Eccomi dopo un anno!
Sono stata presa da tante cose ma principalmente mi son fatta fuorviare da Facebook: pensavo fosse ormai inutile curare un blog se c’era la possibilità di scegliere l’immediatezza di Facebook, ma mi son resa conto che non è la stessa cosa. Quando si fa un post su Facebook ci si illude che gli “amici” leggano ciò che appare. Nientedi più sbagliato: la maggior parte guarda solo le foto! E poi si perde traccia di ciò che si pubblica… o meglio: è tutto in un unico calderone. 
Insomma: Facebook è Facebook. 
Il blog è un diario!
E cosi, eccomi qua a riprendere il racconto di ciò che faccio…
Da oggi in poi scriverò una pagina a settimana e mi racconterò… 
Racconterò le forme d’arte che coltivo e condividerò le mie riflessioni.
Chiedo, a voi che visitate il mio blog, di lasciare un commento: non c’è verifica di identità!
Così saprò chi mi segue e potrò interagire con voi senza aver l'impressione di fare un monologo...
Risponderò ad ognuno di voi!
Intanto  vi mostro la mia ultima”fatica”:
 il mio libro/manuale di patchwork , BALTIMORA!



E' un quilt matrimoniale con 
l'Albero della Vita al centro
e tutti i mesi dell'anno attorno....


I miei adorati Yuma e Carolina lo apprezzano molto....





Ed ecco il mio libro!


Potete trovarlo su corradotedeschieditore.com

Aspetto i vostri commenti e sarò lieta di rispondervi !



lunedì 7 novembre 2016

I manuali di patchwork di Anna Maria Turchi

Il primo  manuale illustra  le tecniche  base del patchwork . Ideale per avviarsi nell'affascinante mondo creativo del quilting partendo dalle prime nozioni essenziali . 
Il secondo manuale affronta il livello intermedio del patchwork tradizionale.
Il terzo manuale si occupa di come affrontare le cuciture curve presenti in alcuni degli schemi del patchwork . Un'opera del genere, interamente  in lingua italiana, è  unica in Italia. Nella mia biblioteca  di Patchwork ho decine di libri americani ,  francesi, giapponesi, gli stessi contenuti nelle bibliografie dei manuali di Anna Maria Turchi. Ciò vuol dire che Anna Maria ha consultato,  studiato, sperimentato  tante tecniche e vari metodi per giungere alla elaborazione  di una propria metodologia e metterla a disposizione  di chiunque  voglia imparare , da autodidatta o attraverso corsi, le tecniche base e avanzate  del patchwork  tradizionale. 
Avendo io stessa scritto dei manuali di patchwork , so quanto lavoro c'è dietro alla stesura di questi libri che vanno decisamente divulgati perché fatti davvero con tanto cuore e tanta testa. Anna Maria, complimenti! !!! 


mercoledì 12 ottobre 2016

Non solo manuale.....


  

Questo libro nasce da un incontro in treno di due donne......incontro che ha aperto nuovi orizzonti, nuove possibilità, nuove conoscenze: Febe e Maria Rosaria, due donne molto diverse eppure tanto simili.... E' quello che si chiama   "incontro tra anime affini": stesso valore assoluto della Famiglia, stesso attaccamento alla Madre Terra, stessa ricerca esistenziale: empatia allo stato puro! Se poi si aggiunge il desiderio di Febe di  ritrovare una madre e il desiderio di Maria Rosaria di far " rivivere" sua madre attraverso l'amore di entrambe per il Punto Assisi......il risultato è questo libro! E il Celtico? Che ruolo ha? L'attaccamento ancestrale di questo antico popolo alla Natura, la ricerca della libertà nell'arte , l'infinita ricchezza simbolica, la sacralità di ogni singola creatura: elementi comuni a Febe e Maria Rosaria che nel Patchwork esprimono le loro emozioni, la loro essenza, la loro ricerca.





Quando Febe ha visto i lavori a Punto Assisi di Serafina Gradilone Nola, madre di Maria Rosaria, ha provato la sensazione di " ritornare a casa ".....la passione per quelle figure mitologiche rappresentate con l'antico ricamo, la precisione nella realizzazione dei lavori, la cura nella scelta dei filati: vedere gli occhi di Febe brillare di nostalgia e la carezza delle sue mani sui lavori a punto Assisi di Serafina (la stessa carezza che Serafina riservava ai suoi lavori completati) hanno  dato vita a questo libro. 



  L' Assisi rappresenta e raffigura il credo cristiano, in cui Maria Rosaria si rispecchia totalmente  mentre il Celtico  rappresenta il percorso spirituale di Febe: due spiritualita' che possono incontrarsi e non scontrarsi... 
Ecco quindi l'alchimia: il Punto Assisi, che unisce Febe e Serafina, abbinato al Celtico, che unisce Febe e Maria Rosaria la quale  chiude in un un caldo abbraccio amica e mamma.




Nella prima parte del libro si trovano le notizie storiche, la simbologia e le istruzioni per realizzare il Punto Assisi e il Celtico. Nella seconda parte si snoda uno scambio epistolare tra Maria Rosaria e Febe. La terza parte presenta una galleria di lavori  di Serafina, di Febe e di Maria Rosaria.











mercoledì 30 dicembre 2015

Sacchetto segnaposto

Mi avete chiesto di dirvi il contenuto del sacchetto segnaposto . Eccovi accontentati!