Lettori fissi

venerdì 30 marzo 2012

Il pane dei pellegrini

Dopo aver ottenuto il mio primo pane con l'utilizzo della Pasta Madre prodotta da me, che io chiamo Aguredda ( ho scoperto che ogni Pasta Madre ha un nome proprio), ovviamente desideravo ripetere l'esperienza per verificare se fosse stata solo la fortuna dei principianti a farmi riuscire o se  l'Aguredda fosse davvero "magica"...
Il mio secondo pane è venuto...ancora meglio!!!!

...mi sorrideva quasi:



che ne dite?




A quel punto ho pensato di sperimentare il Pane dei pellegrini : si tratta di pagnotte che i pellegrini mettevano nella bisaccia per affrontare il viaggio che li portava a Roma per il Giubileo. Cos'hanno  di particolare? dopo la cottura si immergono in acqua bollente e si rimettono in forno ad asciugare: in questo modo si conservano come appena sfornati per parecchi giorni!
Ed ecco le mie pagnotte nelle varie sequenze dal momento in cui le ho infornate fino a cottura ultimata:














 Ringrazio fin d'ora tutti coloro che vorranno lasciarmi un commento o un suggerimento... E vi raccomando: datemi un cenno se vi cimentate nella creazione della Pasta Madre , mi fa molto piacere sapere che vi ho invogliate a lanciarvi in quest' avventura. Per chi, invece, è reticente ma avrebbe voglia di panificare con Pasta Madre di "origine sicura"...beh, se abitate dalle mie parti, posso ....spacciare la mia Aguredda!!! Gratuitamente, s'intende!!!!!!

 

12 commenti:

  1. Fantastica! Che dire ... hai delle mani magiche! Stefano non vuole che provi perchè ha paura di intossicarsi :-( ma entro breve ci proverò... figurati se non ci proverò!! Devo solo trovare il posto giusto per nascondere il mio impastino e poi è fatta! Certo che una tua dose di Aguredda mi farebbe sballare molto ;-)
    BACIONE!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello il tuo pane Maria Rosaria, è bello a vedersi ed immagino ancora piu' buono da mangiare.Prima o poi mi cimento.Tanti auguri per le Palme e per Pasqua .Ciao.Gilda

      Elimina
  2. Non conoscevo quest'usanza del Pane del Giubileo,
    non si finisce mai d'imparare.
    Il tuo pane è meraviglioso, dopo Pasqua ho intenzione di provare,
    ti auguro Buona Domenica delle Palme,
    ciao,
    Amalia

    RispondiElimina
  3. Sento il profumo fino a qui....
    Mi hai fatto proprio venir voglia di provare..
    Buon weekend

    RispondiElimina
  4. Meravigliose le tue pagnotte, ma poi l'hai passata in acqua ?

    RispondiElimina
  5. Maria Rosaria hai le mani d'oro. Mi accontento di guardare il tuo pane. Chissà che profumo per casa. Se ne imparano sempre di nuove.
    Auguri di Buona Pasqua
    Flavia

    RispondiElimina
  6. Favoloso, io sono negata in cucina ma il pane mi piace tantissimo e questo deve essere molto buono. Bravissima!
    ciao ciao linda

    RispondiElimina
  7. Ciao, sei bravissima, mi passeresti la ricetta o la tecnica per creare la pasta madre per favore?? è da molto tempo che vorrei provare ma da indicazioni sicure....Un bacio giorgia ti lascio la mia mail se mi vorrai rispondere direttamente giorgiaquilt@yahoo.it

    RispondiElimina
  8. Cara M. Rosaria
    bellissimi i pani e saranno anche buoni! Visto che hai fatto il pane che i pellegrini usavano per andare a Roma perchè non te lo porti e ci vieni a trovare? TANTI AUGURI DI BUONA PASQUA A TUTTA LA FAMIGLIA!

    RispondiElimina
  9. CIAO!! Fatto! Mi sono lanciata nell'avventura della pasta madre! I primi due giorni, nulla ... poi dopo un rinfresco è partita!! Stefano è sempre più preoccupato :-)))) ... dimenticavo ... per augurarti BUONA PASQUA, ti ho lasciato una sorpresa sul mio blog che spero ti piaccia! A PRESTO!!!

    RispondiElimina
  10. Grazie per il tuo commento.
    E grazie per il profumo del tuo pane sorridente che arriva fino a me.
    ciao e Buona Pasqua a te e alla tua famiglia.
    Linda

    RispondiElimina
  11. Hola amiga!
    Se ve de lo más rico....ummmm
    Un fuerte abrazo desde Venezuela!

    RispondiElimina

Se vuoi, lasciami un commento: non c'è verifica parole! Grazie mille!
Maria Rosaria